Mortal Kombat 11: la lista completa di tutte le STAGE BRUTALITY!

Sorprendete i vostri nemici con queste finisher speciali, non presenti nelle liste mosse standard del gioco e utilizzabili fin da subito.

Injustice 2 (2017) - La recensione completa!

Gli autori di Mortal Kombat ci riportano nella loro distopica versione dell'universo DC Comics. Ed è un vero piacere...

L'incredibile ed inedita storia del film Mortal Kombat (1995).

Vi raccontiamo tutti i retroscena della nascita della pellicola che ha saputo spezzare la maledizione che legava cinema e videogiochi.

giovedì 11 agosto 2022

Il trailer ufficiale di Snow Blind, nuovo film d'animazione della serie Mortal Kombat Legends.

 

Inizialmente spuntato come un semplice rumor di cui era stata solo intravista una possibile copertina, il terzo film d'animazione sull'universo di Mortal Kombat è stato ufficializzato con uno spettacolare trailer che mostra un nuovo stile grafico e la conferma che sarà incentrato sul personaggio di Kenshi, lo spadaccino cieco nato in MK5 (Deadly Alliance) nel 2002, ormai entrato nella rosa dei guerrieri classici.

A livello di storia, dalle poche info trapelate, sembra prendere una piega distinta dalla continuità videoludica ufficiale, proprio come i precedenti due film animati: Scorpion's Revenge (2020) e War of the Realms (2021). 

Infatti, la sventura che porterà a diventare Kenshi cieco a causa di un inganno da parte di Shang Tsung, è ambientata in un futuro prossimo e resa ancora più complicata dalla partecipazione del Dragone Nero, il clan di tagliagole\trafficanti d'armi capeggiato da Kano

Possiamo notare appunto che alcuni personaggi risultano invecchiati rispetto alle controparti originali, ad esempio si nota Kabal con una chioma bianca, Sub Zero (Kuai Liang) divenuto un vecchio maestro non in formissima, o un Kano altrettanto incanutito sempre più cibernetico.

Kenshi si allena col vecchio Sub Zero.

Ma non mancano nemmeno altri personaggi più di nicchia e assenti nei videogiochi da decenni, come gli sgherri del Dragone Nero: Kira, Kobra (qui senza outfit da karateka) e No Face, a cui fanno compagnia i più recenti Tremor (nato nello spin off Special Forces del 2000 e comparso giocabile la prima volta in MK10), il duo simbiotico Ferra-Torr (stavolta affiliato al Dragone Nero) e il pistolero Erron Black.

Nessuna notizia sulla presenza di Tasia e Jarek per completare la rosa dei "dragoni neri", ma non si escludono.

Ancora non c'è una data ufficiale riguardo alla release, ma si può supporre che sia fine 2022 o inizi del '23. Tuttavia, potrebbe non esserci neanche una stavolta una localizzazione italiana.

In attesa di ulteriori info, alcune immagini dei personaggi più curiosi presentati nel trailer:

Ferra & Torr

"Old Kabal"

Kobra

No-Face

"Old Kano"

Erron Black (con Drahmin sullo sfondo)

Kira

Tremor
Shang Tsung (ringiovanito)



Se trovate interessanti i nostri articoli, prendete in considerazione la possibilità di effettuare una piccola donazione.

Michele "Rapper Nero" Neri
Redattore (2013-).
Facebook
Classe 1986, ha iniziato ad amare i picchiaduro grazie ai cabinati di Street Fighter 2 e Mortal Kombat
Oltre a pubblicare articoli su Mortal Kombat Addicted (dal 2013), gestisce il suo blog personale, Disciplina Urbana
Fieramente contrario all'approccio agonistico ai videogiochi e alle competizioni torneistiche, è un sostenitore del single player e dell'importanza di un universo narrativo solido nei picchiaduro… 
Il suo nickname, Rapper Nero, deriva da un nome provvisorio dato ad un personaggio di sua invenzione.
Nessun riferimento alla cultura Hip Hop, tiene a precisare, soprattutto considerando la piega “gangsta-capitalistica” presa dal genere...

mercoledì 16 marzo 2022

Reiko: biografia e caratterizzazione.

Questo articolo del paragrafo Personaggi, sezione MKUniverse, è dedicato a Reiko: un guerriero non molto noto ma particolarmente apprezzato dagli appassionati della saga, essendo inserito in maniera piuttosto forte nella lore mortalkombattiana sin dal 1997, pur essendo comparso poche volte come personaggio giocabile.

 


Creato in Mortal Kombat 4 (qui la nostra recensione), primo capitolo in 3D, Reiko si distingue da subito per il suo aspetto a metà fra un ninja e un miliziano di Shao Kahn, oltre che per la sua particolare pittura facciale simile a quella di Shang Tsung in MK3 (recensione).

Un personaggio a tutti gli effetti ibrido, che usa le arti marziali e lancia shurikens da perfetto ninja, ma brandisce anche armi pesanti come mazze ferrate o martelli.


Il suo aspetto nel tempo è cambiato, se nel 4 prevaleva un aspetto "ninjesco" simile a Sub Zero smascherato ma in bordeaux (inizialmente parte del suo modello doveva essere usato per Noob Saibot, divenuto un personaggio segreto in MK4\Gold), con costume a "V" e fusciacca, nel 7 (Armageddon) e successive apparizioni prevale di più un outfit in stile miliziano del Kahn, mantenendo comunque qualche vecchia caratteristica.

Nel fumetto prequel di Mortal Kombat 10 ha un ruolo da villain molto importante per i retroscena della storia complessiva.

*Ricordiamo che le informazioni qui presenti sono riferite esclusivamente alla continuità videoludica, a cui sono correlati i fumetti introduttivi ufficiali e le info dei libretti d'istruzione\guide strategiche\artbook ufficializzati da Midway\NRS.

Film, serie TV, fumetti Malibù e materiali non ufficiali, non sono considerati.

 

Panoramica


Le origini di Reiko sono avvolte ancora nel mistero, si sa però che è un generale doppiogiochista e spietato proveniente dal RegnoEsterno, affiliato sia a Shao Kahn che alla Confraternita dell'Ombra di Quan Chi, ma le sue alleanze sembrano solo dei mezzi per arrivare a diventare un potente imperatore al posto del Kahn o addirittura un dio, eliminando in silenzio qualsiasi concorrenza (nota infatti è la sua immagine con indosso l'elmo di Shao Kahn, che indossa di nascosto).

Nel prequel a fumetti di MK10 si coprono ulteriori retroscena del suo passato, come la conquista delle isole di Arnyek (patria dei Kytinn) insieme a Goro, la collaborazione con Kotal in varie battaglie, o l’invasione del regno dei Kreeyan (uno dei tanti dell’Outworld) con profanazione del loro tempio in nome di Shao Kahn, che lo fece entrare particolarmente nelle grazie dell’imparatore rendendolo un potenziale erede.

Esperienze che Reiko sfruttava anche per conoscere le debolezze dei suoi nemici e alleati per avere un giorno vantaggio su di loro.

Tuttavia, nonostante la buona volontà e capacità strategiche unite a piani decisamente malvagi, non è mai riuscito veramente nella sua scalata al potere, rimanendo subordinato ai suoi sovrani.

 

 

Mortal Kombat 4 \ Gold

Creduto morto moltissimi anni addietro dopo aver guidato le armate di Shinnok contro gli antichi Dei, ritorna misteriosamente nel presente ancora in veste di generale della Confraternita dell'Ombra. Grazie a Tanya, la traditrice Edeniana, lo vediamo irrompere al palazzo di Sindel insieme a Quan Chi, Scorpion e un manipolo di demoni, al fine di aprire la strada al nuovo attacco di Shinnok agli Dei Anziani partendo da Edenia.

*Sebbene sia un personaggio giocabile, cosa fa dopo l'antefatto narrato nel prequel non è specificato, ma si suppone sia sopravvissuto nella battaglia contro i terrestri, tanto che lo vediamo nel suo finale (che potrebbe essere canonico) teletrasportarsi in una misteriosa sala del trono, con effige della Confraternita, a provarsi il tanto desiderato elmo da Kahn.

 

 

Mortal Kombat Armageddon (7)

Rimasto generale delle armate kahniane nonostante l’indebolimento di Shao Kahn prima a causa dei terrestri (a partire dalla fine di MK3) e poi durante la sua apparente morte (MK5 Deadly Alliance), si imbatte in Taven che entra nella sua sala della guerra dopo aver sconfitto diversi soldati.
Vedendo le sue abilità in combattimento, Reiko cerca di convincere il semidio ad entrare nella milizia di Shao Kahn, ma a Taven non interessa in quanto il suo obiettivo è trovare ed uccidere Quan Chi, oltre che scongiurare l’Armageddon. Così il generale, siccome ha l’ordine di proteggere gli alleati dell’imperatore come Quan Chi, si vede costretto a lottare contro l’intruso, ma alcun senza successo. Sconfitto da Taven si allontana zoppicando permettendogli di proseguire, tuttavia è anche sollevato dal fatto che la sua sconfitta potrebbe portare ad una possibile morte di Quan Chi, che sotto sotto odia.

Nella mega battaglia finale fra forze della luce e tenebre nelle Pianure Edeniane, è ovviamente affiliato alla macro-fazione oscura. Qui lo vediamo inaspettatamente essere colpito ben due volte dal martello del suo padrone Shao Kahn, che possiamo pensare se ne voglia sbarazzare approfittando della situazione confusa.

Reiko viene scagliato in aria da Shao Kahn

A battaglia finita (intro di MK9), è visto giacere morto insieme agli altri guerrieri.

 

Mortal Kombat 9

Dopo che Raiden ha creato una seconda linea temporale per non permettere a Shao Kahn di vincere, Reiko (come tutti gli altri guerrieri) nella nuova timeline è ancora vivo e si suppone svolga le stesse mansioni che aveva nella precedente realtà.

Nella nuova versione del secondo torneo fra i discepoli di Raiden contro le forze dell’Outworld, viene chiamato a combattere contro Kenshi. L’esito dell’incontro è sconosciuto.

 

*Questi eventi sono narrati nel prequel a fumetti di MK10, pur essendo svolti nel periodo che intercorre fra 9 e 10.

 

Prima dell’attacco alla terra da parte di Shao Kahn, quando quest’ultimo si allea con Quan Chi per invaderla, Reiko percepisce le manipolazioni dello stregone verso l’imperatore e, alla fine, assiste alla sua morte sulla Terra per mano degli Dei Anziani.

Capendo che gli ex alleati del NetherRealm “volevano solo schiavi e non generali”, senza nessuna speranza di regnare e sull’orlo del suicidio viene fermato da Havik il chierico del caos che, apparentemente dalla sua parte, gli racconta che era al corrente della profezia “il Sangue di Reiko Regna”, che Reiko aveva udito dalla mistica statua della dea al tempio Kreeyano conquistato tempo addietro.


Il generale, circuito dalle parole del chierico su una possibile deità ottenibile con la Magia del Sangue, viene da egli trafitto col suo pugnale intriso di quel potere, testandone un primo “assaggio”.

 

 

Mortal Kombat 10 \ XL (solo prequel a fumetti)

In seguito alla morte di Shao Kahn, nell’Outworld infuria una guerra civile fra la fazione devota al vecchio imperatore contro i seguaci dell’usurpatore: Kotal Kahn, l’Osh Tekk.

Reiko si schiera dalla parte di Mileena, diretta imperatrice, con la quale inizia una relazione per poter arrivare subdolamente al trono.


Alleatosi con alcuni fedeli del vecchio Kahn (Goro, Rain e Skarlet) e ai mercenari del Dragone Rosso, nel Deserto Dorato sferra un efficace attacco militare agli Osh Tekk sfruttando le conoscenze apprese sulla loro abilità di trarre forza dalla luce solare; Rain oscura il sole mentre Goro uccide K’etz (padre di Kotal), mettendo a segno un duro colpo alla fazione usurpatrice.

Ad insaputa di Mileena, nella base allestita sull’isola di Shang Tsung in rovina dove giacciono prigioniere Cassie Cage e Jaqui Briggs (catturate dagli uomini del Dragone Rosso giorni prima), appronta un piano insieme ad Havik per recuperare i Kamidogu (sotto forma di pugnali) mancanti, che Raiden aveva dato da custodire ad alcuni campioni alleati dell'Earthrealm.
Reiko si reca a casa Briggs per estorcere con la forza il Kamidogu della Terra, mentre Havik pensa a recuperare gli altri “pugnali” con le sue strategie ingannevoli, usando come pedine alcuni guerrieri terrestri posseduti col rito detto “Codice del Sangue”.

Reiko estorce ai Briggs il Kamidogu dell'Earthrealm

In seguito, Reiko ed Havik subiscono un’attacco combinato da parte di alcune fazioni avverse che irrompono sull’Isola di Tsung, fra cui figurano la coppia Cage-Blade (per liberare le ragazze), la cricca di Kotal e quella Mileena coi suoi Tarkata (che ha capito il vero scopo del suo “amante”).
Reiko combatte furiosamente sfruttando un inizio del potere della Magia del Sangue, conferito dai due Kamidogu con cui si era precedendemente ferito, rigenerandosi istantaneamente ogni mutilazione inflittagli dai suoi aggressori, finchè Havik non pone fine alla battaglia scatenando un Raiden da lui stesso corrotto con tale magia.

I nemici vengono catturati ed usati come sacrifici per il rituale che dovrebbe trasformare finalmente Reiko in una “divinità”. Alcuni di loro, controllati da Havik, lo pugnalano con tutti e sei i Kamidogu ed il generale si trasforma in quello che sembra essere il Dio del Sangue. In preda a follia omicida Reiko fa una carneficina di prigionieri (specialmente tarkata) visti come “tributi”, ma un tale potere diventa per lui brevemente ingestibile, dilaniandolo dall’interno fino all’autodistruzione.


Questo era il piano segreto di Havik, che voleva solo un mezzo per riunire i Kamidogu e far emergere il Kamidogu supremo, ovvero l’amuleto di Shinnok, che si materializza dal corpo di Reiko ormai a pezzi.

 

Poteri e abilità

- Reiko, essendo originario del Regno Esterno, è innatamente più longevo di un essere umano ed affine con la magia. Ne dà prova soprattutto in diverse sue mosse fattibili in-game, che includono teletrasporti e colpi caricati da energia mistica, oltre all'avere perenni occhi bianchi.
In MK Armageddon (7), ad esempio, riesce a materializzare un elmo stile Shao Kahn composto di energia.

- Potenziato dalla Magia del Sangue, nel fumetto di MK10, diventa particolarmente inarrestabile riuscendo ad aprire corpi e spaccare ossa a mani nude.

Reiko apre in due D'Vorah.

- Come generale del Kahn e mercenario per la Confraternita dell’Ombra, ha maturato abilità nell’uso di armi pesanti tipo martelli e mazze ferrate, che maneggia senza sforzo, oltre che nel lancio degli shuriken (stelle ninja).

Inoltre, stando al background ufficiale, è annoverato come un grande stratega esperto in strategie militari, che studia nella sua Sala della Guerra dotata di mappe e cartine. 

La Sala della Guerra in MK Armageddon


Curiosità

- Si può incontrare Reiko nel Konquest (story mode adventure) di MK6 Deception, sia a Edenia che nell'Outworld. Se lo interpelliamo, ci dice che "un giorno governerà il Regno Esterno".
Nella stessa modalità si possono leggere voci che egli, di nascosto, si intrufola nella camera da letto di Shao Kahn per provare il suo elmo. 


- Sempre in MK6 Deception, lo possiamo vedere senza alcun riferimento alla storia dentro una cella dell'arena Prigione Oscura.



- Reiko è visto combattere negli sfondi della Fossa e dei Giardini del Palazzo in MK9 (senza alcun riferimento alla storia).

Reiko vs Daegon sul ponte de La Fossa.


Endings

MK4 (semi canon): questo finale non ha testo nè parlato, si vede Reiko che dall'arena chiamata "La Tomba" si teletrasporta in una misteriosa sala del trono col simbolo della Confraternita dell'Ombra sullo schienale, lì si cala sulla testa l'elmo di Shao Kahn.




Mortal Kombat Armageddon (non canon): 


"Quando il potere divino di Blaze attraversò il corpo di Reiko, egli sentì il suo vecchio desiderio di potere tornare più intensamente di prima. Ora più potente persino di Shao Kahn, Reiko sconfisse l'imperatore e reclamò il suo elmo. Quando lo mise sulla sua testa, il suo corpo si fuse con esso, trasformandolo in un signore della guerra di ferocia senza precedenti."


Se trovate interessanti i nostri articoli, prendete in considerazione la possibilità di effettuare una piccola donazione.

Michele "Rapper Nero" Neri
Redattore (2013-).
Facebook
Classe 1986, ha iniziato ad amare i picchiaduro grazie ai cabinati di Street Fighter 2 e Mortal Kombat
Oltre a pubblicare articoli su Mortal Kombat Addicted (dal 2013), gestisce il suo blog personale, Disciplina Urbana
Fieramente contrario all'approccio agonistico ai videogiochi e alle competizioni torneistiche, è un sostenitore del single player e dell'importanza di un universo narrativo solido nei picchiaduro… 
Il suo nickname, Rapper Nero, deriva da un nome provvisorio dato ad un personaggio di sua invenzione.
Nessun riferimento alla cultura Hip Hop, tiene a precisare, soprattutto considerando la piega “gangsta-capitalistica” presa dal genere...

martedì 14 dicembre 2021

Xbox/PC Game Pass: il 16 dicembre arriva Mortal Kombat 11!

Xbox PC GamePass
Il canale youtube "XBox On", gestito direttamente da Xbox UK, ha appena rivelato quali saranno i titoli del Game Pass di Microsoft in arrivo nella seconda metà di dicembre.
Tra i nuovi giochi ad entrare nel celebre servizio in abbonamento dedicato a Xbox e PC, è presente, a sorpresa, anche il nostro amato Mortal Kombat 11!  

Se avete sottoscritto l'abbonamento GamePass potrete giocare liberamente a MK11 a partire dal 16 dicembre 2021 (su console, su PC oppure tramite Cloud).

Buon divertimento.

YOU'RE NEXT!

Se non avete ancora ordinato la versione console di Mortal Kombat 11 Ultimate potete farlo, a prezzo scontato, su Amazon.
Ecco i link a tutte le versioni attualmente ordinabili:
Buon shopping! 😉

Mortal Kombat Addicted partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU.
Acquistando tramite i nostri link aiuterete il sito, consentendoci di percepire una piccola commissione pubblicitaria.

Se trovate interessanti i nostri articoli, prendete in considerazione la possibilità di effettuare una piccola donazione.

Daniel "Naka" Maschietto
Fondatore, amministratore, webmaster, caporedattore, moderatore.
TwitterFacebook
Classe 1980, è cresciuto nelle sale giochi, in mezzo ai cabinati. 
Affascinato dai ninja e appassionato di picchiaduro fin dalla più tenera età, non poteva che innamorarsi all'istante della saga di Mortal Kombat.
Nel corso degli anni ha partecipato ad alcuni tornei, da Tekken 3 fino a Street Fighter 4  (passando per Dead or Alive, BlazBlue ed altri ancora).
Adora la competizione sebbene inizialmente ad attirarlo siano stati i personaggi dei picchiaduro, il loro design e la loro storia.
Specializzato in informatica, è sempre attento e interessato agli aspetti più tecnici dei beat'em up. 
Nel 2008 ha fondato Mortal Kombat Addicted per condividere anche con gli altri la passione per il suo primo amore: la mitica saga di Mortal Kombat. .


mercoledì 4 agosto 2021

Mortal Kombat è la serie di picchiaduro più venduta: 73 milioni di copie complessive e record di vendite dell'undicesimo capitolo.


In un recente tweet, Ed Boon (co creatore ed attuale capo di NetherRealm Studios) fa il punto sulle vendite di Mortal Kombat, confermando che l'undicesimo capitolo (inclusa la versione Ultimate) ha raggiunto le 12 milioni di copie in soli due anni, portando così l'intera saga videoludica a ben 73 milioni di venduto, numero riferito alle edizioni casalinghe a partire dal '93 senza contare le schede per cabinati arcade.


Questo rende Mortal Kombat la serie di picchiaduro a incontri non solo più violenta, ma anche più venduta di sempre!
Diventata a tutti gli effetti un fenomeno pop non solo circoscritto al mondo dei picchiaduro, per merito di personaggi ormai iconici, del suo caratteristico universo narrativo sempre più sviluppato, di un gameplay sia accessibile che profondo per i più esigenti, di capitoli ricchi di contenuti che spaziano anche in altri generi videoludici e, senza dubbio, per la capacità di abbracciare più fette di pubblico grazie alla sua multimedialità, che conta il più alto numero di materiale liberamente ispirato fra film e serie TV anche molto recenti (vedi il nuovo film di Simon McQuoid e i lungometraggi animati).


Nonostante il supporto (DLC, patch e nuove versioni) di Mortal Kombat 11 sia ufficialmente terminato, con questi presupposti il futuro della saga si preannuncia più vivo che mai.
In attesa del dodicesimo capitolo, che potrebbe essere inframmezzato prima da un altro progetto (stando a varie fonti), potete trovare facilmente la versione Ultimate dell'11 -qui la guida ai contenuti aggiuntivi presenti nella versione fisica.

Di seguito la lista dei franchise di picchiaduro più venduti da superare le 20 milioni di copie, incluso Smash Bros (che pur appartenendo al sottogenere "arena brawler", è considerato in classifiche e premi appartenente alla categoria fighting):

- Mortal Kombat: 73 milioni
- Smash Bros: 65,69 milioni
- Tekken: 51 milioni
- Street Fighter: 46 milioni

 *fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_best-selling_video_game_franchises

 

Se trovate interessanti i nostri articoli, prendete in considerazione la possibilità di effettuare una piccola donazione.

Michele "Rapper Nero" Neri
Redattore (2013-).
Facebook
Classe 1986, ha iniziato ad amare i picchiaduro grazie ai cabinati di Street Fighter 2 e Mortal Kombat
Oltre a pubblicare articoli su Mortal Kombat Addicted (dal 2013), gestisce il suo blog personale, Disciplina Urbana, e il forum di picchiaduro Fighter's Arena
Fieramente contrario all'approccio agonistico ai videogiochi e alle competizioni torneistiche, è un sostenitore del single player e dell'importanza di un universo narrativo solido nei picchiaduro… 
Il suo nickname, Rapper Nero, deriva da un nome provvisorio dato ad un personaggio di sua invenzione.
Nessun riferimento alla cultura Hip Hop, tiene a precisare, soprattutto considerando la piega “gangsta-capitalistica” presa dal genere...

mercoledì 7 luglio 2021

[News] Mortal Kombat 11 termina ufficialmente il supporto.


Sebbene i rumors degli ultimi mesi (alcuni anche abbastanza credibili) davano quasi per sicuro un terzo Kombat Pack con ipotetica nuova versione, ogni "leak" si è alla fine rivelato falso, distruggendo le speranze di molti fan.

La conferma arriva direttamente dalla pagina Twitter di Mortal Kombat 11, che ufficializza la cessazione del supporto al titolo.

Non verranno quindi più aggiunti nuovi DLC come personaggi, arene o parti della storia, e probabilmente nemmeno patch di bilanciamento (tuttavia, i server delle modalità solo online come Kripta o Torri del Tempo, rimarranno ancora attivi proponendo sifde e premi a rotazione).

Si esclude così anche la possibilità di una terza versione fisica con nuovi contenuti inclusi, rendendo l'edizione Ultimate del 17 Novembre 2020, l'edizione davvero definitiva di questo undicesimo capitolo.
*Per informazioni sui contenuti aggiuntivi di MK 11 Ultimate rispetto all'edizione liscia, potete consultare questa nostra guida:
https://www.mortalkombataddicted.it/2020/12/mortal-kombat-11-ultimate-guida-ai.html


Una cosa positiva però c'è, stando al post il team NetherRealm si sta dedicando ufficialmente ad un nuovo progetto, che può essere effettivamente di tutto, dal chiacchierato picchiaduro Marvel, ad Injustice 3 o, perchè no, qualcosa sempre legato a Mortal Kombat come una rimasterizzazione dei capitoli anni 90, o un nuovo adventure game sul mai troppo lodato Shaolin Monks.
Solo il tempo potrà dircelo.

Rimanete sintonizzati !


Se trovate interessanti i nostri articoli, prendete in considerazione la possibilità di effettuare una piccola donazione.

Michele "Rapper Nero" Neri
Redattore (2013-).
Facebook
Classe 1986, ha iniziato ad amare i picchiaduro grazie ai cabinati di Street Fighter 2 e Mortal Kombat
Oltre a pubblicare articoli su Mortal Kombat Addicted (dal 2013), gestisce il suo blog personale, Disciplina Urbana, e il forum di picchiaduro Fighter's Arena
Fieramente contrario all'approccio agonistico ai videogiochi e alle competizioni torneistiche, è un sostenitore del single player e dell'importanza di un universo narrativo solido nei picchiaduro… 
Il suo nickname, Rapper Nero, deriva da un nome provvisorio dato ad un personaggio di sua invenzione.
Nessun riferimento alla cultura Hip Hop, tiene a precisare, soprattutto considerando la piega “gangsta-capitalistica” presa dal genere...

lunedì 5 luglio 2021

Il nuovo film d'animazione Mortal Kombat Legends: Battle of the Realms si mostra in un'esplosivo trailer!

Voci di corridoio parlavano da tempo del secondo film della serie Mortal Kombat Legends, ovvero dei lungometraggi d'animazione ispirati al mondo di MK e prodotti da Warner Bros Animation.

Ma ora la conferma è ufficiale, con il primo trailer di presentazione:


Trailer "red band" con scene censurate.

 
 
Stando alle informazioni trapelate, la trama di Battle of the Realms si svolgerà dopo gli eventi del precedente Scorpion's Revenge, introducendo nuovi personaggi fra i quali: Reiko, Li Mei, Kitana, Jade, Stryker, Sektor, Cyrax, Smoke, D'Vorah e senza dubbio alcune altre sorprese.

Negli eventi raccontati, sembra che la squadra di eroi composta da Shaolin e Special Forces sia assediata dalle forze nemiche di Shao Kahn, costringendo Raiden e il suo gruppo di prescelti ad accettare di competere in un Mortal Kombat finale che determinerà il destino dei regni.
Ora i nostri eroi devono viaggiare nell'Outworld per difendere l'Earthrealm e, contemporaneamente, Scorpion dovrà trovare un antico Kamidogu (probabilmente l'amuleto di Shinnok) prima che venga utilizzato per resuscitare l'Essere Unico (o One Being) e scatenare così il collasso dei reami.

Proprio come in Scorpion's Revenge gli eventi prenderanno una piega non canonica con la continuità videoludica, ispirandosi comunque alle storie ufficiali che già conosciamo dal '92, tenendo conto inoltre dell'ambientazione classica e dei personaggi riprodotti fedelmente in versione cartoon: potete notare Johnny Cage con un outfit ispirato a MK10, Li Mei col costume alternativo di MK6 (Deception) ed altre chicche note ai fan di vecchia data.

Anche riguardo ai combattimenti sembra non trattenersi, pur essendo caratterizzato da uno stile cartoon sulla falsariga degli altri film Warner sui supereroi DC, si notano scene d'azione violentissime e splatter degne del videogioco.

L'uscita è fissate per il 31 Agosto in blue ray\DVD (al momento solo negli USA) e in digitale.

Vi lasciamo intanto con alcune immagini prese dal trailer!









Se trovate interessanti i nostri articoli, prendete in considerazione la possibilità di effettuare una piccola donazione.

Michele "Rapper Nero" Neri
Redattore (2013-).
Facebook
Classe 1986, ha iniziato ad amare i picchiaduro grazie ai cabinati di Street Fighter 2 e Mortal Kombat
Oltre a pubblicare articoli su Mortal Kombat Addicted (dal 2013), gestisce il suo blog personale, Disciplina Urbana, e il forum di picchiaduro Fighter's Arena
Fieramente contrario all'approccio agonistico ai videogiochi e alle competizioni torneistiche, è un sostenitore del single player e dell'importanza di un universo narrativo solido nei picchiaduro… 
Il suo nickname, Rapper Nero, deriva da un nome provvisorio dato ad un personaggio di sua invenzione.
Nessun riferimento alla cultura Hip Hop, tiene a precisare, soprattutto considerando la piega “gangsta-capitalistica” presa dal genere...