mercoledì 4 gennaio 2012

Playing to Win - Parte 4.

NB: quest'opera non è scritta di mio pugno, ma si tratta di una creazione di David Sirlin, scrittore, designer, laureato in matematica e business administrator e pro di alto livello in moltissimi picchiaduro e molti altri tipi di giochi.


Vincere nei videogiochi competitivi richiede un tipo di  mentalità focalizzata sui risultati che molti giocatori, semplicemente, non sono in grado di adottare. 
Quest'opera accompagna i giocatori attraverso l'intero processo che li porterà ad essere dei campioni: come scegliere un gioco e imparare competenze di base, come superare le barriere mentali che non permettono a certi giocatori di progredire, e come gestire i problemi che vengono alla luce affrontando i giocatori più forti. Quest'opera include anche un'analisi completa del libro di Sun Tzu "L'arte della guerra" e della sua applicazione nei giochi di oggi.
Si tratta di concetti fondamentali si applicano a praticamente tutti i giochi competitivi, e hanno molte applicazioni anche nella "vita reale". 


Guida - Livello Intermedio #1.
Finora avete imparato solo cose ovvie e banali. So che il primo passo può essere la parte più difficile del viaggio, così ho voluto coccolarvi un po', per farvi andare avanti. Le coccole finiscono qui.
È necessario ora capire la fredda, dura realtà della competizione. Si tratta della parte più difficile da accettare. Questa parte vi sconvolgerà. Nella vostra mente entreranno in azione molti meccanismi di difesa che vi diranno che mi sbaglio, ma vi assicuro con assoluta certezza che, su questo punto, vi sto offrendo solo la verità.


Vi presento... Lo SCRUB.
Il termine dispregiativo "SCRUB" significa diverse cose. Una definizione è: qualcuno (soprattutto un videogiocatore) che non è in grado di fare qualcosa (specialmente in un gioco). Secondo questa definizione, noi tutti nasciamo come SCRUB e non c'è di cui vergognarsi. Ma io attribuisco a questo termine un significato diverso...
Uno SCRUB è, per me, un giocatore che è ostacolato da regole mentali autoimposte che non hanno nulla a che fare con il gioco in questione.
Uno SCRUB non gioca per vincere.

Ora, ognuno all'inizio è un giocatore scarso, perchè ci vuole tempo per imparare come si gioca e per arrivare ad un punto in cui si capisce davvero ciò che si sta facendo. Ma circola un'idea sbagliata: continuando a giocare da soli, continuando ad "imparare" nuove tecniche di gioco, si può diventare un top player. Non è così!
In realtà, ad ostacolare lo SCRUB, sono i suoi stessi limiti mentali, ben più gravi di ogni altro difetto tecnico relativo al gioco. Lo SCRUB ha perso la partita ancor prima del suo inizio. Ha perso la partita ancor prima di decidere a quale gioco giocare. Il suo problema? Non gioca per vincere.

Lo SCRUB non sa di esserlo ed è solitamente convinto di giocare per vincere, ma la sua mente è imprigionata da un complesso costrutto di regole fittizie che gli impediscono di essere competitivo al 100%. Questi assurde regole fai-da-te variano da gioco a gioco, naturalmente, ma la loro presenza è costante. Facciamo un esempio con un videogioco di combattimento al quale sono molto legato e che rappresenta l'apice della mia carriera di pro-player: Street Fighter.

In Street Fighter, lo SCRUB si riconosce subito: è colui che etichetta una grande varietà di tattiche e situazioni come "SPAM" o "CHEAP" o parla a vanvera di "BUG" o "GLITCH".
Questi termini sono il vero e proprio il mantra dello SCRUB.
L'esecuzione di una "presa" contro qualcuno è spesso considerata una tattica "CHEAP".
Una "presa" è un tipo speciale di attacco che permette di afferrare l'avversario, procurandogli danni anche quando si difende. L'intero scopo della "presa" è quello di avere la meglio sui nemici che si barricano dietro una difesa da accovacciato e non attaccano. Per quanto riguarda Street Fighter, la "presa" è parte integrante del gioco in questione ed è studiata per essere utilizzata, ma lo SCRUB ha creato nella sua mente tutta una serie di deliranti principi secondo i quali, essendo in difesa, avrebbe dovuto essere totalmente impermeabile a qualsiasi attacco.
Lo SCRUB pensa che bloccando, sia difeso da una sorta di scudo magico che lo proteggerà da tutto e la "presa" viene vista come una sorta di TRUCCO ignobile. Perché? Esplorare il ragionamento è inutile in quanto il concetto è ridicolo fin dall'inizio.

Non vedrete mai uno SCRUB eseguire una "presa" sul suo avversario per cinque volte di fila.
Ma perché no, se questa è strategicamente la sequenza di mosse che ottimizza le sue probabilità di vincere?
Questo è il primo esempio di handicap mentale dello SCRUB: è disposto a giocare per vincere, ma solo all'interno del suo insulso insieme di regole. Queste regole possono variare incredibilmente da uno SCRUB all'altro. Se sconfiggi uno SCRUB lanciando molti attacchi di tipo proiettile (Fireball e similari) contro di lui, mantenendo le distanze e gli impedisci di avvicinarsi per tutto il match, sicuramente ti dirà che sei uno "SPAMMER". Se esegui più di una "presa", ti dirà che è una tattica "CHEAP". Se ti difendi per 30 secondi, ti dirà di nuovo che è una tattica "CHEAP". Se lo costringi sulla difensiva e non gli permetti di muoversi, allora parlerà ancora di tattica "CHEAP" o imputerà la sua impotenza a qualche BUG.
Quasi tutto ciò che fate, e che vi fa vincere è un ottimo candidato per essere chiamato "CHEAP" da uno SCRUB.
Street Fighter è stato solo un esempio, avrei potuto scegliere qualsiasi gioco competitivo.

Eseguire una mossa o una sequenza di mosse più e più volte è una tattica che ho spesso adottato, ma che suscita quasi sempre le ire dello SCRUB. Ma andiamo dritti al cuore della questione: perchè lo SCRUB viene sconfitto da una tattica così ovvia e telegrafata come il ripetere più volte la stessa mossa? E' così mentalmente debole da essere incapace di contrastare quello che faccio? E, nei rari casi in cui ciò che faccio sia, per un qualsiasi motivo, estremamente difficile da contrastare, allora non sarei un pazzo a non usare questa o quella mossa? Il primo passo per diventare un top player è rendersi conto che GIOCARE PER VINCERE significa fare tutto ciò che aumenta la vostra probabilità di vittoria.
Questo è la vera e propria definizione di GIOCARE PER VINCERE.
Il gioco stesso non si basa su assurde "regole d'onore".
Il gioco sa solo chi ha vinto e chi ha perso. Tutto il resto non conta.

Uno SCRUB, dopo una sconfitta, spesso piagnucola dicendo che giocare cercando di vincere a tutti i costi, rende il gioco "noioso" o "non divertente". Ma noi sappiamo che l'obiettivo dello SCRUB non è veramente vincere. Vincere è il vostro obiettivo.
Il vostro obiettivo è buono, giusto e reale, e nessuno può sostenere il contrario.

Prendiamo ora in considerazione due gruppi di giocatori: un gruppo di buoni giocatori e un gruppo di SCRUB. Lo SCRUB gioca "per divertimento" e non esplora mai tutte le possibilità del gioco. Non conosce le tattiche più efficaci e gioca abusando delle poche cose che conosce.
I buoni giocatori, invece, conoscono combo, tattiche e schemi di attacco.
Ma, cosa forse ancora più importante, conoscono, o hanno la possibilità di scoprire, i modi adatti per contrastare quelle stesse tattiche.
Per la stragrande maggioranza delle tattiche che in un primo momento sembrano imbattibili, esiste una contro-tattica, ma solo chi conosce profondamente il gioco sarò in grado di metterle in pratica.

I buoni giocatori raggiungono livelli di gioco sempre più alti.
Dopo aver inizialmente trovato e abusato di tattiche "CHEAP", hanno poi imparato come neutralizzare queste cosiddette tattiche "CHEAP". E' un processo piuttosto comune nei picchiaduro competitivi: dopo aver urlato allo scandalo contro questa o quella mossa, si scopre che era facilmente contrastabile e che quindi, si tratta (e si trattava) di una mossa legittima.
Spesso nei giochi di combattimento, alcuni personaggi sono migliori di altri.
Bene, questa cosa non ti riguarda. Con il passare del tempo, si scoprirà che gli altri personaggi hanno tattiche vincenti ancora più potenti e le Tier List verranno riscritte.
Ogni giocatore tenterà di guidare il combattimento verso la direzione più congeniale per il proprio personaggio, così come i maestri di scacchi tentano di indirizzare gli avversari in situazioni che non sono in grado di gestire.

Torniamo al gruppo di SCRUB. Loro non sanno niente di tutta la profondità di cui vi ho appena parlato. Il loro unico argomento è il "divertimento" che consiste, fondamentalmente,  nel premere pulsanti in modo ignorante con poco riguardo per la strategia.
Ad una analisi superficiale, la loro tesi ha almeno un aspetto valido, dal momento che spesso i loro scontri saranno più sanguigni e spettacolari rispetto alle sfide tra players esperti, che sono, di solito, molto più controllati e raffinati. Ma un esame più attento esame rivelerà che anche gli esperti si stanno "divertendo" molto, un "divertimento" di un livello superiore a quello a cui è abituato lo SCRUB.
La soddisfazione di smanettare casualmente qualche mossa spettacolare da circo e vincere non è nemmeno paragonabile al piacere di riuscire a leggere perfettamente il gioco del tuo avversario, a tal punto che si può contrastare ogni sua mossa, ogni suo attacco.

Potete immaginare cosa accadrà quando i due gruppi di giocatori così differenti si incontrano?
Gli esperti distruggeranno completamente gli SCRUB con le loro varianti tattiche e, gli SCRUB, non avranno la minima idea di come opporsi degnamente.
Questo perché gli SCRUB, in realtà, non hanno mai nemmeno giocato allo stesso gioco.
Gli esperti stanno giocando al gioco reale, mentre gli SCRUB giocano alla loro variante fatta in casa, piena di sciocche restrizioni e regole non scritte.

Ma lo SCRUB ha molti altri limiti mentali. Lo SCRUB parla molto spesso di "abilità", si vanta delle sue presunte capacità e sottovaluta gli altri giocatori, soprattutto quelli che lo sconfiggono (solitamente bollati come SPAMMER o considerati incapaci o, magari, fortunati).
In realtà fanno confusione sul significato della parola "abilità".
In Street Fighter, gli SCRUB spesso usano le combo come unità di misura dell'abilità.
Una Combo è una sequenza di mosse che non può più essere bloccata dopo che il primo colpo è andato a segno. Le Combo possono essere molto elaborate e difficilissime da eseguire.
Gli SCRUB più gravi considerano "abilità" anche la semplice esecuzione di alcune mosse speciali.
Per esempio lo "Shoryuken" o "Pugno del Drago" in Street Fighter si esegue tenendo premuto il joystick verso l'avversario, poi giù, poi in diagonale verso il basso verso il nemico e premendo un tasto Pugno.
Questo movimento deve essere completato entro una frazione di secondo, non c'è margine di manovra e deve essere eseguito in modo abbastanza preciso.
Chiedete in giro: moltissimi SCRUB considerano il "Dragon Punch" una "mossa di abilità."

Una volta ho giocato contro uno SCRUB che, in realtà, sapeva il fatto suo.
Cioè, conosceva bene le regole del gioco, sapeva utilizzare molto bene il personaggio che aveva scelto e sapeva anche cosa fare nella maggior parte delle situazioni di gioco.
Ma la sua rete di regole mentali gli impediva di GIOCARE PER VINCERE veramente.
Dopo aver subito una sconfitta contro di me iniziò a gridare! Gridò che non avevo nessuna capacità, che l'avevo battuto senza eseguire nessuna combo difficile, nessuna mossa spettacolare, mentre lui aveva sfoderato molti "Dragon Punch" eseguiti rapidamente e alla perfezione.
Più tardi, quando io ho eseguito un "presa" per cinque volte di fila, si alzò nuovamente urlando: "è questo tutto quello che sai fare? Prese?".
Allora gli ho dato il miglior consiglio che avesse mai sentito.
Gli ho detto: "GIOCA PER VINCERE, non per fare combo o mosse difficili".
Questo è stato un grande momento nella vita di quello SCRUB.
Ora aveva 2 possibilità: poteva ignorare le sue sconfitte e continuare a vivere all'interno della sua "prigione mentale" oppure analizzare il perché di quelle sue sconfitte, buttare nel WC le sue regole, e raggiungere il livello successivo di gioco.

Non so voi, ma io non sono mai stato ad un torneo in cui ci fosse un premio per il vincitore e un altro premio per il giocatore che ha fatto le Combo più difficili.
Non ho nemmeno mai visto un premio per il giocatore che ha giocato in modo più "innovativo".
Si, perchè un'altra fissazione degli SCRUB è quella per l'"innovazione".
Gli SCRUB dicono: "quel ragazzo ha vinto, ma non ha fatto nulla di nuovo, così non va bene" oppure "il giocatore X ha inventato la tecnica Y, quella persona Z non può usarla, sta rubando!".
Beh, il giocatore Z potrebbe essere cento volte meglio del giocatore X, ma questo sembra non importare agli SCRUB.
Quando il giocatore Z vincerà un torneo e il giocatore X verrà eliminato nelle fasi preliminari, sapete cosa diranno sicuramente gli SCRUB? Che il giocatore Z ha vinto, ma "non sa giocare"...

Si può guadagnare rispetto all'interno di una comunità di gioco, giocando in modo innovativo, ma non dovrebbe essere questo l'obiettivo finale. L'innovazione è solo uno dei molti strumenti che possono, o non possono, aiutare a raggiungere la vittoria.
L'obiettivo è quello di giocare nel modo migliore possibile.
L'obiettivo è quello di vincere.

David Sirlin


Ti può interessare:
PLAYING TO WIN - Parte 1 (Prologo).
PLAYING TO WIN - Parte 2 (Guida - livello Base #1)
PLAYING TO WIN - Parte 3 (Guida - livello Base #2).
PLAYING TO WIN - Parte 5 (Guida - livello Intermedio #2).
PLAYING TO WIN - Parte 6 (Guida - livello Intermedio #3).  
PLAYING TO WIN - Parte 7 (Guida - livello Intermedio #4).
        

0 commenti:

Posta un commento

Per ulteriori informazioni sui commenti consulta la sezione F.A.Q.