martedì 3 gennaio 2012

Playing to Win - Parte 3.

NB: quest'opera non è scritta di mio pugno, ma si tratta di una creazione di David Sirlin, scrittore, designer, laureato in matematica e business administrator e pro di alto livello in moltissimi picchiaduro e molti altri tipi di giochi.


Vincere nei videogiochi competitivi richiede un tipo di  mentalità focalizzata sui risultati che molti giocatori, semplicemente, non sono in grado di adottare. 
Quest'opera accompagna i giocatori attraverso l'intero processo che li porterà ad essere dei campioni: come scegliere un gioco e imparare competenze di base, come superare le barriere mentali che non permettono a certi giocatori di progredire, e come gestire i problemi che vengono alla luce affrontando i giocatori più forti. Quest'opera include anche un'analisi completa del libro di Sun Tzu "L'arte della guerra" e della sua applicazione nei giochi di oggi.
Si tratta di concetti fondamentali si applicano a praticamente tutti i giochi competitivi, e hanno molte applicazioni anche nella "vita reale". 


Guida - Livello Base #2.
Prima di iniziare a vincere partite su partite, dovete assicurarvi di saper giocare.
Dovete scegliere un gioco, trovare un ambiente in cui giocare, avere la possibilità di affrontare molti avversari ed imparare ad acquisire una certa padronanza di base.


Scegliere un gioco.
Innanzitutto è necessario scegliere un gioco a cui giocare. Probabilmente ne avrete già in mente uno, ma ricordate che giochi diversi richiedono competenze diverse, e si tratta di un concetto che non è sempre chiaro ai principianti. E' meglio, naturalmente, scegliere un gioco che si adatta bene alle vostre capacità.

Vi consiglio un gioco che permetta a tutti i giocatori di iniziare allo stesso livello, senza vantaggi per nessuno.
Ad esempio, un videogioco di combattimento permette ai giocatori di iniziare con personaggi diversi, ma tutti i giocatori sono liberi di scegliere liberamente qualsiasi personaggio prima che la partita abbia inizio.
Magic: The Gathering è un gioco di carte che permette ai giocatori di portare mazzi diversi per un torneo, ma considerate che tutti i giocatori hanno, teoricamente, pari accesso a tutte le carte prima dell'inizio del torneo, quindi chiunque può avere qualsiasi mazzo .
Invece, i giochi sulla base del "livellamento" di un personaggio come molti giochi MMORPG permettono ad alcuni giocatori di avere un vero e proprio vantaggio materiale all'inizio di una "partita" semplicemente perché hanno trascorso più tempo giocando rispetto agli altri giocatori.
Cercate giochi che ricompensino solo l'abilità del giocatore, nient'altro!

Anche se è nobile credere che "GIOCHERETE PER VINCERE" a tutti i videogiochi che vi capiteranno per le mani, è meglio essere realisti: scegliete uno o due giochi al massimo, a meno che non abbiate una quantità eccezionale di tempo libero e delle incredibili abilità di gioco. Per esempio, potete concentrarvi su un gioco in particolare come uno sparatutto in prima persona, e potete dilettarvi o anche diventare esperti in altri giochi dello stesso genere. Potreste anche giocare ogni tanto a Tetris con la vostra ragazza, oppure a Texas Hold'em con gli amici, o a Magic: The Gathering qua e là. Ma anche solo tentare di vincere davvero in uno qualunque di questi giochi è un vero lavoro a tempo pieno. Magari non siete a conoscenza di tornei internazionali di Tetris, del World Poker Tour, o del Pro Tour di Magic, ma ogni uno di questi giochi ha un seguito di giocatori professionisti di tutto rispetto.
Competere ad alto livello anche in un solo gioco è un compito scoraggiante.

Dovete essere sinceri con voi stessi e stabilire se siete disposti ad impegnarvi concretamente in un SOLO e UNICO gioco. Ci sono alcuni giochi che prendiamo molto sul serio, gli altri li trattiamo come un passatempo e durano per un periodo di tempo limitato. Per esempio, ho letto molti libri sugli scacchi e ho giocato a scacchi di tanto in tanto nel corso degli anni. Nel complesso, però, io sono un giocatore di scacchi terribile. Durante una partita a scacchi, faccio tutto quello che posso (nei limiti delle regole) per vincere, ma non faccio nulla per migliorare me stesso nel lungo periodo. Non sono un membro della comunità degli scacchi, non cerco giocatori di scacchi più forti di me da affrontare dal vivo, e non ho neanche la voglia di cercare sfidanti su internet. In un modo molto limitato (durante la singola partita), ho "GIOCATO PER VINCERE", ma l'intero sforzo di giocare a scacchi è per me un'occasionale attività di "divertimento", non un serio tentativo di dominare il mondo degli scacchi.
Sto bene così, perché mi rendo conto che non posso dedicarmi seriamente a tutte le mie passioni.

Anche così, ho investito un po' di risorse mentali sugli scacchi invece che in altri giochi.
Faccio qualche partita a Scarabeo durante la settimana, ed ho cercato davvero di vincere quelle partite, ma ho fatto assolutamente nulla al di fuori delle partite stesse per migliorare a Scarabeo.
Va bene così, perchè, ogni volta che avrei potuto spendere del tempo per migliorare le mie abilità a Scarabeo, a mio modo di vedere, l'ho speso in modo migliore: progredendo nei giochi che ho preso più seriamente.

Ma torniamo alla scelta del vostro gioco. Un altro fattore importante è la capacità di un gioco di essere giocato ad alti livelli. Molti giochi mostrano tutti i loro limiti se giocati ad alti livelli di abilità. Se si sceglie un gioco maturo come gli scacchi, si può essere certi che non peggiorerà affatto ad alti livelli, ma giochi più recenti sono una vera e propria scommessa. Una delle cose più brutte che può capitare ad un giocatore, è il momento in cui si rende conto che il gioco che ha scelto non richiede una reale strategia.
Capita più spesso di quanto credete, per esempio, quando qualcuno scopre delle tattiche così potenti che sembrano impossibili da contrastare, elimina qualsiasi pensiero strategico dal gioco.
Questo capita raramente e solamente nei giochi  dal gameplay poco "profondo". A volte, però, si tratta solo di un abbaglio dei giocatori ed, in realtà, esistono delle contro-strategie, ma essi non sono in grado di metterle in pratica. Ci vorrà un po' saggezza per capire se è colpa vostra e dovete insistere, continuando a giocare o se è il caso di dedicarsi a giochi realizzati con maggior cura, più maturi, più profondi.

Ambiente.
Creare un ambiente ideale per te e per il tuo gioco è di vitale importanza. Il campione è forgiato nel fuoco, non nel vuoto. È necessario l'accesso fisico al gioco e l'accesso ad una certa varietà di avversari.
Aiuta molto avere amici che giocano al vostro stesso gioco o fare amicizia con chi lo gioca.
Se volete veramente percorrere il cammino del campione, vi troverete coinvolti nella comunità di giocatori che giocano il vostro gioco.
Prima ci si avvicina a questa comunità, meglio è.
Potrete imparare molto sul gioco, sui tornei e gli eventi che lo circondano. Parlerete con veri e propri "custodi di conoscenze segrete" circa il vostro gioco, e troverete i migliori giocatori avvicinandovi al cerchio interno della comunità di giocatori.

Avere accesso fisico al vostro gioco è FONDAMENTALE. Se si tratta un videogioco da sala giochi, è necessario vivere o lavorare o andare a scuola in prossimità di una sala giochi ben fornita (anche se questo esempio fa ormai parte dei libri di storia.). Se si tratta di un videogioco per PC, è necessario avere accesso immediato ad un PC e ad Internet. Se si tratta di poker, è necessario avere facile accesso ad un casinò dove si gioca a poker. Se il gioco può essere giocato on-line (via Internet), allora avrete la possibilità, almeno, di giocare contro una gamma molto ampia di avversari, a patto di dimostrare di essere degni di giocare.
Se il gioco richiede un faccia a faccia con gli avversari, non tralasciate l'idea di trasferirvi in una città dove i migliori giocatori del mondo giocano dal vivo, se possibile. Se questo non è possibile, è necessario rendersi conto che i giocatori che hanno la possibilità di sfidare l'elite del gioco che avete scelto, hanno un vantaggio su di voi.
Se non potete affrontare giocatori esperti direttamente o indirettamente, prendete in considerazione la possibilità di dedicarvi ad un gioco differente.

Un'altra cosa di cui avete bisogno è uno stile di vita che vi permetta di dedicare tempo, denaro ed energia mentale da dedicare al vostro gioco. Questo è MOLTO importante: è bello giocare una partita, "divertirsi" o almeno, cercare di "divertirsi" nella competizione o cercare di auto-migliorarvi, ma costruire la vostra vita intorno a un gioco che sentite come un "lavoro" è un grosso errore .
Costruire la propria vita intorno a qualsiasi gioco è senza dubbio un errore, ma farò finta di ignorare questo punto, in quanto può aiutare, quando si tratta di vincere.

Padronanza di base.
Il vostro primo obiettivo dovrebbe essere quello di imparare le regole del gioco: come eseguire azioni di base e come muovervi nel gioco, per capire quali mosse sono a vostra disposizione, e naturalmente le condizioni necessarie per vincere e perdere la partita. In questa fase si dovrebbe anche cercare di imparare il gergo utilizzato da altri giocatori e si deve far molta pratica nell'eseguire le mosse di base. In alcuni giochi, ci vorrà molto tempo per superare la sensazione di disagio tipica di un principiante.

Si noti che nessuno di questi compiti prevede che ci sia un giocatore esperto ad aiutarti. Puoi leggere siti, forum e FAQ, o semplicemente giocare. Un giocatore esperto che funge da mentore (non un avversario) è estremamente utile, ma non indispensabile.  Può essere molto utile guardare giocatori esperti giocare dal vivo o guardare i loro video su Internet, ma giocare contro di loro direttamente potrebbe essere deleterio in questa fase. Guardando giocatori esperti o intermedi imparerete le tattiche di base di cui avete bisogno, e probabilmente un sacco di altre cose che, per ora, non potevate nemmeno immaginare.

Una volta capite le basi del gioco, il compito successivo è quello di imparare un paio di tattiche alla vostra portata. Dovreste imparare alcune sequenze di mosse facili da eseguire che vi danno la possibilità di vincere. L'obiettivo non è quello di sviluppare nuove sequenze che non sono mai state viste prima, l'obiettivo è quello di essere efficaci. Quando un avversario gioca molto male, si dovrebbe almeno avere qualche idea su ciò che si dovrebbe fare per punire tutti i suoi errori. A seconda del gioco, ci possono essere diversi tattiche di base per terminare la partita con una vittoria. Sempre a seconda del gioco, potrebbe essere necessario fare pratica nell'esecuzione di queste tattiche (per esempio le combo in un picchiaduro) al di fuori del caos di una partita reale. Dedicatevi quindi alle modalità ALLENAMENTO e PRATICA in modo da perfezionare la vostra tecnica.

So che alcuni giocatori vorrebbero, anche in questa fase iniziale, giocare solo contro giocatori esperti.
Io, personalmente, preferisco giocare contro giocatori medio/scarsi per un po', per affinare le mie capacità di attaccare in modo efficace. Penso che la cosa importante in questa fase sia, semplicemente, giocare il più possibile, indipendentemente dalle abilità dei vostri avversari. Familiarizzare con il gioco è fondamentale.

Quando giocherete contro gli esperti, probabilmente farete una figuraccia. Ma giocare con loro vi insegnerà cosa NON fare. Imparerete che, se fate questa mossa, verrete puniti orribilmente. Fatelo ancora, e perderete un'altra partita. Giocando con loro imparerete quale mosse sono SAFE ("sicure") o UNSAFE (ossia che lasciano scoperti), e si deve imparare a fare sempre meno errori o perderete la partita, di nuovo. Naturalmente, se tutto quello che fate è togliere dal vostro repertorio le mosse UNSAFE, giocherete in modo più sicuro e sara meno probabile che veniate sconfitti in un attimo, ma ricordatevi che per vincere è necessario eseguire delle mosse! Già così dovreste essere a buon punto: ma come si può imparare a vincere contro i più esperti? Guardate quello che fanno gli esperti. RUBATE I LORO SEGRETI. Per esempio: quando commettete un errore, guardate esattamente come lo puniscono.
Guardate esattamente quale sequenze usano per brutalizzarvi.

Alcuni dei miei amici giurano che l'unico modo per migliorare è giocare SEMPRE e SOLO contro avversari esperti.
Non sono d'accordo. Una volta che hai imparato i segreti degli esperti, può essere molto difficile utilizzare queste manovre contro di loro. E' a questo punto che suggerisco di tornare a giocare contro giocatori più deboli. I giocatori più deboli fanno molti errori dandovi molte opportunità per far pratica con le tue nuove sequenze d'attacco. Si può provare anche a fare delle piccole variazioni sul pattern di attacco contro i giocatori mediocri. Potete affinare le vostre abilità. Solo alla fine di questo processo di "levigatura" potete tornare ad affrontare i giocatori più esperti con rinnovata sicurezza .

L'idea è quella di utilizzare i principianti per fare pratica. Gli esperti commettono raramente degli errori, ma quando lo fanno, è necessario capitalizzare. Quando l'avversario fa un errore fatale, è necessario essere in grado di prendere con fiducia il controllo della partita e vincerla. Questo atto deve essere naturale, come qualcosa che hai fatto mille volte. Quando la rara opportunità di vincere si presenta, l'esperto non deve pensare: "sono abbastanza sicuro di poter vincere. I libri di testo dicono che dovrei fare X". Si dovrebbe cogliere l'opportunità in modo semplice, veloce, e istintivo, proprio come avete già fatto innumerevoli volte contro i principianti.

Fate attenzione: ci sarà presto un momento in cui anche i giocatori principianti e intermedi saranno di pochissima utilità per voi. Non sanno come punire adeguatamente i vostri errori e, invece di aiutarvi, vi porteranno a sviluppare cattive abitudini. I principianti cadono spesso in trucchetti davvero banali, trucchetti che farebbero solamente ridere un giocatore esperto.
Se si gioca solo contro principianti o giocatori intermedi, che prima o poi incappano in qualche errore che vi dà la vittoria, potreste abituarvi a giocare in attesa dell'errore altrui. Ma cosa farai quando affronterai un avversario esperto? Cosa succederà se l'avversario sarà così abile da non commettere errori gravi, sarai in grado di smettere di aspettare ed andare a prenderti la vittoria?

David Sirlin


Ti può interessare:
PLAYING TO WIN - Parte 1 (Prologo).
PLAYING TO WIN - Parte 2 (Guida - livello Base #1)
PLAYING TO WIN - Parte 4 (Guida - livello Intermedio #1).
PLAYING TO WIN - Parte 5 (Guida - livello Intermedio #2).
PLAYING TO WIN - Parte 6 (Guida - livello Intermedio #3).  
PLAYING TO WIN - Parte 7 (Guida - livello Intermedio #4).
    

0 commenti:

Posta un commento

Per ulteriori informazioni sui commenti consulta la sezione F.A.Q.